La Terra ogni anno diventa più leggera: c’è da preoccuparsi?

459
0
Share:

Per quanto possa sembrare strano, ogni anno il peso del nostro pianeta subisce delle variazioni, a causa di diversi fattori. Gli scienziati si sono interessati alla questione, per comprendere cosa possa comportare questo fenomeno nel lungo periodo, ed i risultati sono assolutamente rassicuranti.

Il nostro pianeta pesa circa 5,97 miliardi di trilioni di tonnellate, una cifra talmente grande da sfuggire alla nostra immaginazione e comprensione. Ma questo peso non è stabile, e ogni anno diminuisce, seppure in misura infinitesimale rispetto alla massa terrestre. Il peso del materiale che entra nell’atmosfera dallo spazio non riesce a compensare la perdita di peso dovuta a vari fattori, in primis la dispersione di idrogeno nello spazio.

I fattori che incidono sul fenomeno

Ogni anno circa 40mila tonnellate di materiale proveniente dallo spazio, come polveri, detriti e piccole meteoriti entrano nell’atmosfera terrestre, dove finiscono per disintegrarsi. Tuttavia questo materiale contribuisce ad aumentare la massa del pianeta. Per quanto riguarda la perdita di peso invece, il principale fattore che la determina sono le 95mila tonnellate di idrogeno che ogni anno dalla Terra vengono disperse nello spazio. A queste si sommano la più lieve dispersione di elio, pari a 1600 tonnellate annue, ed il decadimento radioattivo del nucleo, che incide per altre 160 tonnellate sul totale della massa perduta ogni anno. Tracciando un bilancio, il nostro pianeta perde dunque poco meno di 50mila tonnellate di massa all’anno. Procedendo a questi ritmi, affinché il nostro pianeta sia destinato a scomparire dovranno trascorrere circa 120mila trilioni di anni. Ovviamente prima di giungere alla completa sparizione la progressiva e costante perdita di peso provocherebbe alterazioni dell’orbita terrestre e altri problemi, che comunque potrebbero insorgere in tempi calcolati nell’ordine dei trilioni di anni, e dunque non c’è assolutamente motivo di preoccuparsi.

Il fatto che la terra ogni anno perda massa è una scoperta relativamente recente. In rete sono ancora presenti articoli di riviste scientifiche, risalenti ad alcuni lustri fa, che sostengono che la massa del pianeta fosse aumentata costantemente sin dal momento della sua formazione, a causa dei detriti che entrano in atmosfera, senza tenere in considerazione la consistente dispersione di idrogeno, che compensa l’aumento di peso e addirittura ne comporta la diminuzione.

Share: