USA, INDAGINE SU CIBO E SALUTE: AMERICANI PERDONO BUONE ABITUDINI ACQUISITE IN EMERGENZA COVID-19

30
0
Share:

A più di un anno dall’inizio della pandemia, gli americani stanno testando un assaggio di vita post-COVID-19, tornando piano piano alle loro abitudini alimentari e di acquisto precedenti. Crescono gli approcci positivi alla dieta e alla salute ma ci sono segnali allarmanti di disuguaglianze e disparità all’interno del sistema alimentare Usa. Sono questi alcuni risultati del Food & Health Survey 2021, condotto ogni anno dal 2006 dall’International Food Information Council (IFIC).

L’IFIC ha intrapreso un’intensa ricerca sui consumatori sugli effetti della pandemia sin dai suoi primi giorni. Il Food & Health Survey di quest’anno mostra, rispetto a quello del 2020, che molti dei positivi cambiamenti degli americani in cucina hanno iniziato già a diminuire. Ad esempio, l’85% un anno fa ha riferito di aver modificato le proprie abitudini alimentari o la preparazione del cibo, proprio a causa della pandemia. Nella Food & Health Survey del 2021, tuttavia, tale numero è sceso al 72%.

Il sondaggio ha riscontrato diminuzioni significative, a volte fino alla metà, nei comportamenti che erano cambiati a causa della pandemia. Un anno fa, il 60% dei consumatori dichiarava di cucinare in casa più del solito; quest’anno, quel numero è sceso al 47%. Allo stesso modo, si possono osservare modifiche anche in altri comportamenti, come quello di lavare di più i prodotti freschi (30% nel 2020 contro 22% nel 2021).

Allo stesso tempo, il sondaggio suggerisce che alcuni cambiamenti apportati dagli americani nelle loro abitudini sono proseguiti o addirittura accelerati nel 2021. Ad esempio, il 27% degli americani nel 2019 ha affermato di aver acquistato cibo online almeno una volta al mese. Quel numero è aumentato al 33% nel 2020 nei primi momenti di emergenza sanitaria da COVID-19. Ma un anno dopo, nel 2021, è salito ancora più in alto al 42%. Allo stesso modo, il 13% degli adulti nel 2019 ha dichiarato di aver acquistato cibo online almeno una volta alla settimana, un numero che è sceso leggermente all’11% nel 2020 ma è balzato al 20% quest’anno. I consumatori più giovani, e i genitori, in particolare, tendono a fare la spesa online più frequentemente rispetto alle loro controparti.

Ma se ci sono state modifiche nei comportamenti, nel rapporto si leggono anche segnali di cambiamenti negli atteggiamenti. Agli intervistati è stato chiesto di selezionare le loro prime tre scelte da un elenco di ciò di cui sono più entusiasti dopo la pandemia. Le prime tre risposte si sono concentrate sulla spesa (46%), non preoccuparsi tanto del COVID-19 mentre si fa shopping o si mangia in un ristorante (44%) e andare più spesso al ristorante (39%).

Nonostante queste tendenze indichino un ritorno alla routine, la pandemia ha messo in luce alcune disparità significative all’interno del sistema alimentare americano. Quest’anno, il sondaggio ha cercato di esaminare alcuni potenziali indicatori di insicurezza alimentare, un argomento in prima linea nelle sfide alimentari indotte dalla pandemia. Ad esempio, il 15% degli americani ha affermato di aver spesso acquistato soluzioni alimentari meno salutari, per una mera questione economica. 

Atteggiamenti più sani sulla salute

Anche con le preoccupanti tendenze dell’insicurezza alimentare, ci sono alcuni segnali incoraggianti riguardo alla salute e alle diete. Quasi tre quarti degli intervistati (73%) ha dichiarato di essere fiducioso nella propria capacità di scegliere cibi sani. Anche l’opinione degli americani su ciò che costituisce il cibo sano ha assunto un tono più positivo nel 2021: il 27% afferma che il cibo sano è definito dalla presenza di componenti come frutta, verdura e sostanze nutritive (rispetto al 17% nel 2016).

Questo atteggiamento positivo nei confronti della salute può essere visto anche nell’approccio degli americani alla loro dieta. Il numero di americani che nel 2021 ha dichiarato di aver seguito uno specifico modello alimentare o dieta è stato del 39%. Perdere peso rimane la ragione principale per seguire una dieta o un modello alimentare, con il 38% degli intervistati, in calo rispetto al 47% nel 2020. Allo stesso modo, solo il 29% ha affermato che migliorare il proprio aspetto fisico è la ragione principale per seguire un dieta, in forte calo rispetto al 39% nel 2020.

Influenza della sostenibilità ambientale e sociale sulle decisioni alimentari

Mentre la pandemia recede come fattore nelle convinzioni e nelle decisioni delle persone sul cibo, altre influenze stanno giocando un ruolo importante. Secondo il sondaggio, il 42% dei consumatori ha affermato di ritenere che le proprie scelte individuali in merito all’acquisto di alimenti e bevande abbiano un impatto moderato o significativo sull’ambiente e il 53% ha affermato che se fosse più facile comprendere l’effettivo impatto ambientale delle proprie scelte, questo problema avrebbe una maggiore influenza sulle loro decisioni alimentari.

Un quarto (24%) degli intervistati ha affermato che carne e pollame hanno il maggiore impatto negativo sull’ambiente, seguiti da bevande in bottiglia (14%). Inoltre, un adulto su quattro (24%) ha riferito di aver mangiato più proteine ​​da fonti vegetali rispetto all’anno precedente.

Per la prima volta, la Food & Health Survey ha iniziato ad affrontare il tema della sostenibilità sociale. Il 59% degli intervistati afferma che è importante che i prodotti alimentari che acquistano e consumano siano prodotti in modalità che si impegnano a garantire un trattamento equo ai lavoratori come braccianti agricoli, operai, lavoratori al dettaglio e servizi di ristorazione.

Metodologia

I risultati del sondaggio sono stati ricavati da interviste online di 1.014 americani di età compresa tra 18 e 80 anni, condotte dal 23 al 31 marzo 2021.

Fonte: IFIC – The International Foundation for Integrated Care
Immagine di copertina: Cibo vettore creata da brgfx – it.freepik.com

Share: